lunedì 11 marzo 2013

La mia retta



Sto in questo
pensare vagabondo
una biglia che rotola
agli angoli
e una pazzia lucida che
ne ascolta il tonfo.

Tra l’ultima foglia patetica
sul ramo – l’inverno è
come una malattia-
e il gusto di poter dire
“domani”
sta la vita

se traccio la mia retta tra
i due punti
-dentro-
una massa d’acqua
s’addensa
e non trova foce.