sabato 19 gennaio 2013

Dedicato



Non ho parole da regalare
alla tua morte perché mi
affranchi da questo silenzio

se vi cadesse una moneta
non ne sentirei il tonfo.

Preme alle mie pareti come
spuma di notte ai vetri
cielo che sta tutto in una nuvola

 … scivolasse un goccio di luna
mi darebbe finalmente il pianto.

La sintesi di essere uomini
è la morte
e tu l’avrai varcata con pudore.
                         A mani alzate.
                         In senso di resa.

Nel buio ignoto
un soffio improvviso di limoni
   quel fiotto di luce
   la tua vittoria.