sabato 29 settembre 2012

L'eco di un suono

Poesia
la stella più audace
in una sinfonia di chiaroscuri
l’eco di un suono
una voce che ti appartiene …

A te
dunque che mi leggi con occhi muti e
con indolenza  tracci  il solco delle
mie rughe segui il ritmo del mio respiro


a te
che entri nei miei sogni e li colori di
tuo e ascolti il grido di quest’argilla
reclamare una sua forma

a te
funambolo dei tuoi pensieri nel
mio pensare passo amico che si
affianca al mio così ritroso

a te
che per curiosità o mistico pudore
ti accosti all'intimità del mio cielo

serbagli ti prego un cesto di pietà
accoglimi nel tuo sguardo
raccoglimi in quella vibrazione
                                                      
nel calore dell’attimo
        noi due
                una sola voce.