venerdì 26 luglio 2013

Le labbra al bello



Lasciami i tuoi occhi
vedrò il fiore minuto
e bianco tra le agavi

aprirò con le tue
le mie labbra al bello.

Ascolto …
dentro la tua voce
ha fatto il nido sui
rami fogliosi di un noi.

Resto nel tuo sguardo
una pianura placida
un sogno senza scadenza

è in questa luce spersa
la tua assenza

l’ombra colma la stanza,
sul pavimento cubi
castelli torri merli
e la mia cella.